Mario Tuti: “Simpatico Grillo, mi ricorda il Duce”
03/04/2013
Inchiesta. “Prostitute, aiutate il welfare”
12/08/2013

Graziano Verzotto

Ci sarebbe un unico uomo dietro a tanti dei misteri che hanno messo in ginocchio l’Italia negli anni Sessanta e Settanta. Dietro la strategia della tensione, i delitti Calabresi e Feltrinelli, la morte di Pinelli, il tentato sequestro dell’ex senatore democristiano Graziano Verzotto. Una abile spia dal passato troppo nero che a un certo punto, protetta dai Servizi segreti tedeschi, difesa da alcuni potenti rappresentanti delle istituzioni italiane e tutelata dal ricorso quasi schizofrenico a travestimenti e ad alias differenti, si sarebbe abilmente mescolata con il rosso al fine di depistare, insabbiare. E uccidere.

Il suo nome è Berardino Andreola, nato a Roma nel 1928 e morto a Pesaro nel 1983, indagato varie volte – con le fittizie generalità, a seconda dei casi, di Giuseppe Chittaro, Umberto Rai, Günter, Giuliano De Fonseca – per le morti di Feltrinelli e di Calabresi e per la bomba alla questura di Milano; e infine condannato – con il nome autentico – per il solo tentativo di sequestro a scopo di estorsione dell’ex presidente dell’Ente minerario siciliano, il veneto Graziano Verzotto, compare d’anello del boss catanese Giuseppe Di Cristina.

A collocare Andreola sotto una luce nuova e più articolata, svelandone l’incredibile storia, alcuni movimenti, collaborazioni, appartenenze e vicinanze inaspettate (l’Ufficio affari riservati, il vertice dell’Ufficio politico della questura di Milano, l’Aginter Press, il segretissimo gruppo Alpha, probabile mandante del delitto Calabresi), illustrandone i numerosi depistaggi e i raggiri e ipotizzando nuovi contatti, è lo studioso padovano Egidio Ceccato nella documentatissima inchiesta da poco pubblicata per Ponte alle Grazie, “L’infiltrato”.

Ceccato, tanto per cominciare: chi è Berardino Andreola.
“E’ un personaggio che ha più volte fatto capolino, con vari alias – penso a Giuseppe Chittaro Job, Giuliano De Fonseca, Umberto Rai, Günter, Francesco Miranda Sanchez, tanto per ricordarne qualcuno – in diverse inchieste di quegli anni, ma che alla fine è stato processato e condannato solo per aver diretto il tentato sequestro ai danni di Verzotto nel gennaio 1975. Proprio a seguito di questo fallito rapimento di natura politica – non estorsiva, come hanno invece stabilito le sentenze -, eseguito da tre soggetti probabilmente arrivati da Berlino, erano emersi per la prima volta il suo vero nome e la sua qualifica: “Agente segreto appartenente ad una organizzazione ideologica d’estrema sinistra (Gruppo Feltrinelli)”. Agli sbigottiti inquirenti siciliani Andreola aveva spiegato, mentendo, di essere arrivato sull’isola per “infiltrarsi negli ambienti mafiosi” e per “studiare i sistemi operativi della mafia allo scopo di utilizzarli nell’ambito dell’organizzazione di cui faceva parte”. In verità la spia era sbarcata in Sicilia un mese dopo i fatti accaduti alla questura di Milano: con ogni probabilità ci era arrivato per seguire il caso Verzotto, per impedire all’ex senatore padovano di rivelare segreti collegati all’assassinio di Mattei. A ogni modo Andreola (noto in questo caso come Chittaro, anarco-maoista friulano) viene indagato per l’attentato alla questura”.

Erede di una famiglia fascista con un padre maresciallo in servizio presso l’Ovra, l’ex brigata nera Berardino Andreola era stata addestrata nei campi delle Ss in Germania, dove aveva imparato un fluente tedesco. Finito per qualche tempo in carcere per reati legati alla criminalità comune, negli anni Sessanta l’uomo si era messo a professare idee “anarco-maoiste” e antiviolente, diventando il braccio destro di Feltrinelli nei Gap (con il nome fasullo di Günter); un informatore importante di Calabresi (con quello di Chittaro); avvicinandosi a Pinelli, a Valpreda e agli anarchici milanesi prima della strage di Piazza Fontana e facendo al contempo da tramite con la mafia nella fornitura e nel traffico di armi.

Giangiacomo Feltrinelli

Come si lega Andreola con le vicende milanesi, in particolare con la “madre” delle stragi: Piazza Fontana?
“Alla fine di novembre 1969 Chittaro/Andreola aveva contattato dalla Francia per via epistolare il capo dell’ufficio politico della Questura di Milano, Antonino Allegra, presentandosi come un anarchico-maoista che prendeva le distanze dalle idee violente dei propri compagni. Ad Allegra aveva preannunciato nuovi fatti di violenza politica dopo la morte dell’agente Antonio Annarumma. La sera del 12 dicembre, dopo la scoppio della bomba alla Banca dell’Agricoltura, il capo dell’Ufficio politico lo contatta immediatamente e gli organizza per l’indomani un incontro con Calabresi nella vicina Svizzera. Il 13, perciò, il commissario lo incontra per tre ore a Basilea. Nessuna delle sue dichiarazioni viene tuttavia messa a verbale”.

Andreola sembra essere lanello che congiunge molti fatti terribili accaduti nel nostro Paese. E diversi documenti citati nel libro lo confermano. Eppure il suo nome è praticamente sconosciuto allopinione pubblica. Perché?
“Per le fortissime coperture di cui ha goduto, innanzitutto. Penso alle indagini per la morte di Feltrinelli, coordinate dal giovane e inesperto magistrato Guido Viola, che non verbalizza le dichiarazioni rilasciate in proposito da Chittaro/Andreola ritenendole pure e semplici fantasie di un mitomane. Molto più probabilmente, però, la mancata verbalizzazione avviene perché dall’alto qualcuno gli consiglia di lasciarlo fuori dalle indagini. Questo non è l’unico episodio a presentare tali caratteristiche. Mi sono convinto, anche grazie a documenti che ho acquisito dopo l’uscita del libro, che Andreola fosse uno dei burattinai che muovevano i fili della strategia della tensione. Per comprendere questa torbida figura non si può infatti prescindere dal Piano Chaos della Cia e dai punti della guerra non ortodossa stabiliti nel maggio 1965 all’hotel Parco dei Principi a Roma. Di Andreola, legato a quella che io chiamo Internazionale nerazzurra – per i contatti con gli apparati americani della Nato – si è parlato in passato, senza che però fosse collocato in un contesto preciso e senza che venissero forniti alla sua figura quei collegamenti che io ritengo essenziali. Le indagini del tempo si erano concentrate sui singoli personaggi, sui suoi tanti alias. Uno separato dall’altro.

 

Con “L’infiltrato”, nato durante le mie ricerche per un saggio sulla morte di Mattei che dovrebbe uscire l’anno prossimo, ho cercato di dare un filo logico, di riunire tutto sotto la stessa persona: gli alias e gli episodi delittuosi. Gli importanti collegamenti con Milano, poi, sono potuti emergere grazie ad alcuni documenti forniti da un giornalista dell’Ansa, Paolo Cucchiarelli. Certo, non c’è la pistola fumante, che invece giace forse assieme ad Andreola, ma su chi è stato e su quanto ha fatto esistono riscontri ben precisi, capaci di riscrivere una nuova verità storica con cui la società, non solo italiana, dovrà per forza fare i conti”.

Monica Zornetta (L’Espresso, 24 luglio 2013)

http://espresso.repubblica.it/attualita/cronaca/2013/07/24/news/il-misterioso-uomo-della-tensione-1.56937